• Parere legale pro-veritate Avv. Roberto Alma del 2014

    6 novembre 2014
    3444 Views
    Comments are off for this post

    Salva il Parere legale pro-veritate del 2014 (PDF)
    Salva il Parere legale pro-veritate del 2014 (Word)

    Avv. Roberto Alma – Roma

    Da un punto di vista strettamente normativo, si segnala che, ad oggi, non risulta l’emanazione di atti normativi in contrasto con quanto a suo tempo illustrato dall’Avv. Tealdi, in merito al valore giuridico della soluzione di raccomandata elettronica elaborata dalla società inPoste.it S.r.L. e denominata “tNotice”.

    Per maggior scrupolo si segnala che, in data 17 settembre 2014, è entrato in vigore il REGOLAMENTO DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO n. 910/2014 in materia di identificazione elettronica e servizi fiduciari per le transazioni elettroniche nel mercato interno e che abroga la direttiva 1999/93/CE.

    Il Regolamento Comunitario in questione introduce un’innovativa disciplina della trasmissione telematica di documenti che, sebbene attuabile a partire dal 10 luglio 2016, merita di essere in questa sede esaminata, in quanto appare in grado di confermare la valenza giuridica della soluzione di raccomandata elettronica qui in esame.

    (altro…)

    Visualizza Documento
  • Parere legale pro-veritate Avv. Tealdi & Associati del 2011

    10 febbraio 2011
    2363 Views
    Comments are off for this post

    Salva il Parere legale pro-veritate del 2011 (PDF)
    Salva il Parere legale pro-veritate del 2011 (Word)

    Stduio Tealdi & Associati – Torino

    La Raccomandata  Elettronica® ha più valore legale. Oltre ad essere equivalente al valore legale della raccomandata allo sportello, offre in più anche la certificazione del contenuto della comunicazione, con valore probatorio in giudizio.

    Prima di entrare nel merito, è necessario rilevare che nel nostro ordinamento non è presente alcuna norma che attribuisca alla posta raccomandata con ricevuta di ritorno in sé un determinato valore legale: l’unica norma di diritto positivo a cui si deve far riferimento è l’art. 1335 cod.civ., costantemente richiamato dalla giurisprudenza di legittimità (ex multis, Cass. 24 luglio 2007, n. 16327), che recita:

    «la proposta, l’accettazione, la loro revoca e ogni altra dichiarazione diretta a una determinata persona si reputano conosciute nel momento in cui giungono all’indirizzo del destinatario».

    (altro…)

    Visualizza Documento